Nell'Alto Casertano 2 Comuni su 3 vogliono la Bandiera arancione!

Grazie all’accordo tra GAL Alto Casertano e TCI, è stata offerta a tutti i piccoli Comuni localizzati nel territorio del GAL la possibilità di partecipare all’iniziativa Bandiere arancioni. Il territorio ha reagito in modo molto positivo all’opportunità offerta, dimostrando di voler migliorare l’accoglienza e i servizi per il turismo. Ben 32 località sulle 48 aderenti al GAL si sono infatti candidate per essere sottoposte all’analisi esterna del Touring, che accompagnerà i piccoli centri rurali in un percorso di miglioramento del territorio e di consapevolezza ambientale, a vantaggio di turisti e residenti.

 


 

 

Sulla base dell’analisi dei dati e delle informazioni raccolte, verrà definito il gruppo di Comuni che TCI sottoporrà alla visita sul campo, che ripercorrerà l’esperienza del turista e avverrà in forma anonima da parte dello staff di esperti Touring. Sarà poi elaborato un Piano di miglioramento per ogni località e un Piano d’area, con le azioni da affrontare in modo sinergico. Al termine dell’analisi Touring individuerà le località in linea con gli standard di qualità e assegnerà la Bandiera arancione. Ad oggi le località certificate in Campania sono tre, ancora nessuna nella provincia di Caserta!

 


 

 

L’iniziativa Bandiere arancioni è stata inserita nel Piano di Sviluppo Locale proposto dal GAL (PSR Campania 2007/2013), che ha come strategia la valorizzazione integrata dei territori rurali, per raggiungere l'ambizioso obiettivo del miglioramento della qualità della vita delle popolazioni rurali.

Per maggiori informazioni, visita la pagina dedicata all’iniziativa.