San Ginesio

SCOPRI TUTTE LE
INFO

> Macerata 33km

Dal Conero ai Sibillini al Gran Sasso, ampio è il panorama che si può godere da questo borgo, tanto che gli è stato dato l’attributo di “balcone dei Sibillini”. La città, intitolata al patrono degli attori, ha un impianto urbano medioevale ed è racchiuso da mura con torri e baluardi.

COSA VEDERE

Il monumento principale del borgo è la collegiata, purtroppo seriamente danneggiata dal sisma del 2016, di fondazione romanica, con una facciata tardo gotica, un ricco portale e una sontuosa decorazione in cotto. Il patrimonio museale di San Ginesio è raccolto nella pinacoteca Gentili, con una sezione antica, con dipinti dalla metà del XV sec. fino al XVII, e una sezione moderna, con opere contemporanee, strumenti musicali e arredi sacri. Molto importante l’Archivio storico comunale, giunto intatto dal 1199 fino ad oggi, ricostruendo fedelmente secoli di storia marchigiana.

EVENTI

Nell’intero mese di agosto, il Palio anima i vicoli e le piazze dei quattro rioni del paese, rievocando l'atmosfera del passato con rievocazioni, sfilate in costume, la Giostra dell’anello e altri spettacoli antichi.

PRODOTTI E TRADIZIONI

Da gustare sono il vino rosso San Ginesio DOC e il Polentone di San Ginesio, preparato con la farina di granoturco e servito con sugo di carne o in bianco (con salsiccia, costate di maiale e funghi) e con il formaggio pecorino.

A causa del sisma del 2016, suggeriamo di verificare lo stato delle zone e l'agibilità dei monumenti.

La località si distingue per l'efficiente servizio di informazioni turistiche grazie all'apposito ufficio accogliente, ben segnalato e ben fornito. Il borgo, immerso in un contesto naturalistico di pregio (Parco nazionale dei Monti Sibillin), si presenta armonico e ben conservato. Buona è la gestione ambientale e alta la percentuale di rifiuti raccolti in maniera differenziata.

Esplora le
Mappe
le guide touring per
organizzare
il viaggio