I prodotti tipici di Longiano

Il meglio dei sapori di Romagna racchiusi in un borgo

Longiano, al centro delle fertili colline della valle del Rubicone, è luogo ideale per gustare il meglio dei sapori di Romagna: ciliegie e susine, albicocche e la pesca nettarina DOP, i formaggi di fossa e lo squacquerone, i grandi vini di Romagna come il Sangiovese e il Trebbiano (ma anche i meno noti Albana, Pagadebit e Cagnina), nonché un profumatissimo olio extravergine di oliva, dalle notevoli capacità organolettiche, anche se ancora meno conosciuto di quanto meriterebbe.

Le specialità gastronomiche della cucina longianese sono quelle diffuse in tutta la Romagna, a partire dall’immancabile piadina. Fra i primi piatti, ecco i cappelletti, le tagliatelle, i passatelli, le tagliatelle al ragù, le lasagne, gli strozzapreti e le “puntarine” (come qui si chiamano i maltagliati). Tra i secondi, figurano coniglio con patate al forno, castrato alla griglia, selvaggina, le carni e i salumi di una pregiata razza suina dal pelo nero, la “Mora romagnola”.

Tante aziende agrituristiche, nel territorio di Longiano, offrono poi la possibilità di degustare in loco i loro genuini prodotti. Una di queste è l’Antico frantoio Turchi, piccolissimo borgo con una chiesa e un frantoio sulle colline di Balignano, dove i fertili terreni e le distese di ulivi traggono beneficio dalle brezze marine che salgono dalla vicina costa adriatica. La leggenda fa risalire la fondazione del frantoio a un navigatore saraceno del XV secolo. E in ogni caso è da secoli che la famiglia Turchi qui ottiene un olio extravergine di grande qualità, mediante spremitura a freddo con macine di granito. L'azienda (dove si trovano anche una locanda e un ristorante) poi produce anche fichi, fragole, ciliegie, albicocche, prugne, mele cotogne, pere, noci, mandorle, pomodori, carciofi, zucchine, strigoli (un'erba spontanea commestibile assai popolare in Romagna).

Testo: Roberto Copello - Foto: pagina facebook Longiano Turismo (immagine di testata e cesti di frutta), Fabiana Rossi Viterbo Fotocine (ragazza con vino), Laura Maria Mino Fotografia (fioritura)

PUÒ INTERESSARTI ANCHE:
- Che cosa vedere a Longiano
- La Fondazione Tito Balestra di Longiano
- Longiano: perchè Bandiera arancione Tci