La latteria di Sara e Marta, prelibatezze tra Cadore e Carnia

Siamo a Sappada, borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, dove due ragazze propongono con passione formaggi e salumi di qualità

Una delle attività che meglio coniuga l’accoglienza del turista e la valorizzazione della tradizione, in particolare quella dell’artigianato enogastronomico, quella delle sorelle Sara e Marta Piller Roner: la latteria Plodar Kelder (via Fontana 1, tel. 0435469833) di Sappada, borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.
"Nel 2009 rileviamo e recuperiamo la vecchia latteria turnaria del paese, - ci raccontanto - fino al 2001 frequentata dalle famiglie che possedevano capi di bestiame."
Marta e Sara imparano molto velocemente, sotto la guida di artigiani locali, l’attività casearia. Dopo diverso tempo cominciano a vedere i primi risultati, grazie alla loro passione e tenacia.

"Attualmente i formaggi di produzione propria sono ricotta, gorgonzola, stracchino, bleu, oltre a gelati e yogurt. A completare l’offerta gastronomica ci sono poi i salumi che produce nostro padre."
Nel 2017 aprono lo spazio per la zona degustazione che offre aperitivi con taglieri dei loro formaggi e salumi. Tutto l’arredamento della zona degustazione, dai tavoli alle sedie alle pareti in legno è stato pazientemente e sapientemente costruito dal loro padre, utilizzando la legna del bosco di proprietà della famiglia stessa.



"La passione che mettiamo nel nostro lavoro, le materie prime di elevata qualità, la balsamica aria di montagna e le vecchie cantine per la stagionatura permettono di ottenere prodotti dai profumi e dai sapori unici."
Come dare torto alle due ragazze, l'invito è quello di venire a gustare di persona questi prodotti.

Per maggiori informazioni, ci sono il sito e la pagina facebook.

PUÒ INTERESSARTI ANCHE:
Sappada: perché è una Bandiera arancione Tci
La storia e la gente di Sappada
I musei di Sappada 
Manuel, giovane scultore e falegname che esalta la tradizione

Testo: Nicola  Patruno - Foto: Cesura / Luca Santese

Articolo realizzato nell’ambito del progetto RESTA! –finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale del Terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese-Avviso n.1/2018