La ricetta dello Stoccafissu à Baücôgna, piatto tipico di Badalucco

Fiore all'occhiello della cucina del borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano nell'entroterra imperiese

Il piatto tradizionale, più conosciuto e amato di Badalucco, borgo ligure Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, è senza dubbio lo stoccafisso alla badalucchese.

Lo stoccafisso di Badalucco è un piatto a base di merluzzo essiccato, cucinato secondo un'antica ricetta locale. Esso giungeva direttamente via mare sino a Porto Maurizio. Da lì veniva poi caricato dai mulattieri e portato a Badalucco, che ai tempi fungeva da centro mercantile per tutta la media Valle Argentina.

Cibo proteico e facilmente conservabile, lo stoccafisso fu per lungo tempo il piatto principale servito durante il pranzo che i priori delle confraternite offrivano alla popolazione al termine del loro mandato.

Più anticamente, la leggenda narra che gli abitanti di Badalucco riuscirono a resistere ad un lungo assedio dei Saraceni, proprio grazie alle abbondanti scorte di stoccafisso, riuscendo addirittura a contrattaccare e costringendo il nemico a riprendere il mare. L'episodio s’intreccia con il tradizionale uso di questo alimento, al quale i badalucchesi sono particolarmente attaccati, tanto da dedicargli una festa, ormai celebre, che ha luogo la terza domenica di settembre. La cinquantesima edizione del Festival dello Stoccafisso alla Badalucchese si terrà nel 2022.

Ricetta Stoccafissu à Baücôgna

Metodo di preparazione (compresi ingredienti e quantità)

Ingredienti:
- 1 kg di stoccafisso bagnato
- 150 gr. pinoli
- 100 gr. nocciole
- 200 gr. funghi secchi
- 100 gr. aglio
- 150 gr. acciughe salate
- prezzemolo q.b.
- 2 bicchieri vino bianco
- olio extra vergine oliva di Badalucco
- sale pepe q.b.
- brodo di carne

Lessare lo stoccafisso in abbondante acqua per circa 15/20 minuti. Colarlo e pulirlo dalle lische e dalla pelle. Sciogliere in un tegame a parte le acciughe in abbondante olio, aggiungere poi pinoli, nocciole, prezzemolo, 100 gr. di funghi, aglio (il tutto tritato) a cui vanno poi uniti 2 bicchieri di vino bianco e il brodo.
Nel frattempo prendere una casseruola e disporre lo stoccafisso nel seguente modo: in basso adagiare a forma di ciambella le ossa, poi uno strato di stoccafisso, alcuni pezzi di funghi e aggiungendo il soffritto precedentemente preparato. Proseguire nella disposizione dello stoccafisso a strati, lasciando sempre il
buco nel mezzo. Cuocere lo stoccafisso per 5/6 ore circa a fuoco lento, bagnando il pesce continuamente con il suo brodo.

PUÒ INTERESSARTI ANCHE:
Scopri di più su Badalucco e sul perchè è Bandiera Arancione del Touring Club Italiano