Le ceramiche e pitture artistiche di Lucia, artigianato d'eccellenza sull'Appennino

Grande preparazione e conoscenza, personalizzazione e amore per il territorio sono gli ingredienti per prodotti artigianali di qualità, nel borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

Tradizionale e tuttavia innovativa e resiliente: è l’attività di Lucia Gennaretti nella sua bottega Ceramiche di Lucia, che si trova a Portico di Romagna, una delle tre frazioni del Comune di Portico e San Benedetto, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano nell'entroterra forlivese.

La maggior parte del suo lavoro è basato sulla ceramica, ma si dedica anche alla pittura su tavola (legno) e su tela.

Tutto comincia da una attenta e profonda preparazione: "Ho imparato le fasi della lavorazione tradizionale della ceramica con un lungo percorso di studio di 5 anni presso la bottega del ceramista faentino Silvano Fabbri, mentre contemporaneamente frequentavo anche una scuola serale di pittura - racconta Lucia - All'inizio del 2000 decido di aprire la mia prima bottega in un vecchio mulino, per poi spostarmi nel 2010 nella sede attuale a Portico di Romagna, in via Roma 13."

Dopo aver appreso le basi tradizionali, Lucia sceglie la sua strada: "Realizzo principalmente progetti e disegni personali, spesso legati al territorio della Romagna toscana, dipingendo paesaggi su lastre di ceramica, o su legno. Per la creazione di oggetti traggo ispirazione da diversi stili della storia dell’arte italiana, come ad esempio nella realizzazione di piatti dedicati a rosoni rinascimentali o reinterpretando immagini tratte da antiche xilografie o litografie o da antiche miniature medievali."

Lucia ci spiega come avviene la creazione e realizzazione degli oggetti in ceramica: "Si inizia con la foggiatura che può essere fatta a mano, con l’antica tecnica del colombino o con la tecnica della sfoglia (come per la pizza o le tagliatelle!) o al tornio, e prosegue poi con la biscottatura, che è una prima cottura a 980 gradi, fino ad arrivare alla smaltatura nel bagno di maiolica e seguente decorazione o pittura a pennello, fino alla cottura finale a gran fuoco (930 gradi). Il momento finale della cottura crea sempre un po' di suspense, si spera vada tutto bene perchè comunque la cottura può sempre riservare delle sorprese, come la modifica di alcuni colori!"

Sicuramente sorprendono, ma solo in positivo, la bellezza e l'unicità dei manufatti di Lucia, alcuni dei quali si possono ammirare anche sulla sua pagina Facebook, che attirano i locali e i turisti, anche stranieri, appassionati di artigianato.

PUÒ INTERESSARTI ANCHE:
Scopri di più su Portico e San Benedetto e perchè ha ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano
Portico di Romagna, libri in libertà
Porta il borgo di Portico e San Benedetto a casa tua
Scopri di più sul Cammino di Dante, che passa anche per Portico e San Benedetto

Testo: Nicola Patruno - Foto: Cesura / Luca Santese

Articolo realizzato nell’ambito del progetto RESTA! –finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale del Terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese-Avviso n.1/2018