Ricette tipiche della val di Magra

Prelibatezze, dolci e salate, della tradizione lunigianese che potete gustare a Castelnuovo Magra, borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

Questo articolo vuole raccontare le bellezze, le caratteristiche tipiche, le storie e le esperienze che è possibile vivere in questo borgo Bandiera Arancione. In un momento di incertezza e di crescente emergenza sanitaria che costringe tutti a una maggiore prudenza e cautela, vuole ispirare il lettore, far conoscere le eccellenze dei piccoli borghi e permettere di arricchire la propria "lista dei desideri" fornendo spunti e suggestioni che potrà poi andare a scoprire di persona non appena possibile.

Chi non ha piacere di sedersi a tavola e gustare i piatti tipici del territorio? I sapori di un luogo sono sempre da scoprire ed apprezzare in ogni stagione, nelle luminose giornate primaverili ed estive, così come in autunno e inverno, con i tanti colori e le giornate più brevi, ma spesso intense. Ecco tre ricette di piatti tipici che puoi gustare a Castelnuovo Magra, borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

FRITTELLE DI CASTAGNE

Ingredienti
1/2 litro di latte
250 gr di farina di castagne
50 gr di zucchero
olio per friggere
zucchero a piacere da aggiungere a fine cottura

Sciogliete la farina e lo zucchero nel latte, facendo attenzione a non formare grumi, ottenendo una pastella morbida ma non troppo liquida. In
una padella, scaldare l’olio e versare il composto a cucchiaiate, poco alla volta, formando delle frittelle di forma circolare. Fare friggere
da ambo i lati, colare con una ramaiola e asciugare con carta assorbente. Spolverare a piacere con lo zucchero e servire calde. Una variante è
quella di servirle accompagnate alla ricotta fresca.

TORTA DI RISO "SCEMA"
La Torta di Riso, chiamata anche "Torta Scema" perché cucinata con ingredienti poveri, è il dolce tipico della Val di Magra, il lembo di pianura compreso nelle province di La Spezia e di Massa e Carrara, attraverso il quale il fiume Magra confluisce nel Mar Ligure, che definisce il cuore dell'antica regione della Lunigiana.
Le sue vere origini sono ancora incerte, ma quel che è certo è che si tratta di una grande prelibatezza della tradizione lunigianese, vastamente diffusa sul territorio, e che sicuramente sarà possibile assaporare nel borgo di Castelnuovo Magra, certificato con la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Ottima come dessert di fine pasto, la torta di riso dolce piace a grandi e piccini e può essere servita anche durante le ricorrenze importanti mettendo d’accordo sempre, o quasi, tutti.

Ecco di seguito la ricetta!

INGREDIENTI
1 litro di latte intero
14 uova intere
100 gr. di riso Arborio
1 bustina di vanillina
1 bicchierino di sambuca o anice
250 gr. di zucchero
50 gr. di burro
la buccia grattugiata di 1/2 limone
un pizzico di sale

PROCEDIMENTO
Lessare il riso in acqua salata fino a cottura, scolare e far raffreddare. In un recipiente sbattere le uova con la vanillina, un pizzico di sale, lo zucchero e la buccia del limone. Quando il composto ottenuto risulta omogeneo aggiungere a filo il latte e unire il riso bollito.
Imburrare una teglia di circa 30 cm di diametro, versare il composto e far riposare per circa dieci minuti.
Infornare la torta di riso in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. Passato il tempo necessario, e/o quando il colore della superficie sarà bello caramellato, la Torta di Riso è pronta!! Servire fredda.

La ricetta e le immagini sono state fornite dal Ristorante dei Pini di Ilario Giovanelli - Via Olmarello n. 50 Castelnuovo Magra (SP). Tel. 0187.674084 Info: pagina Facebook Ristorante dei Pini

POLENTA INCATENATA
Polenta di granoturco cotta nel brodo di fagioli borlotti e cavolo bronzino condita con olio d’oliva e formaggio parmigiano. Piatto povero della tradizione popolare ripreso con gli attuali dettami delle linee nutrizionali, che prevedono un'alimentazione ricca di legumi.
Ingredienti: farina di granoturco, fagioli borlotti, un cavolo bronzino, formaggio parmigiano grattugiato, olio d’oliva, acqua , sale.
Preparazione: bollire i fagioli con acqua e sale. Quando sono cotti aggiungere il cavolo tagliato fine e portarlo a cottura. Quando anche il cavolo è cotto versare la farina di granoturco a pioggia mescolando accuratamente e portare a cottura, lasciando la polenta molto morbida, aggiungendo olio d’oliva. Cuocere per 40 minuti e servire calda con formaggi parmigiano.