Montepulciano

SCOPRI TUTTE LE
INFO

È uno dei prodigi urbani che offre questa parte di Toscana, nella ricchezza della campagna senese tra val d’Orcia e Valdichiana.

COSA VEDERE

Il borgo sorge sulla cresta di un’altura (m 605), di remota origine tardo etrusca, di nobile aspetto e altissimo tono rinascimentale. Il primo acuto è ai piedi del colle: l’isolata Chiesa di S. Biagio, a croce greca con alta cupola, paradigmatico capolavoro di Antonio da San Gallo il Vecchio (1518-45). Poi si sale – per le vie di Gracciano, di Voltaia, dell’Opio nel Corso – tra palazzi rinascimentali a bugnato legati ai nomi del Sangallo stesso, del Vignola, del Peruzzi, belle chiese (S. Agostino, cui attese il Michelozzo), scorci di ripidi vicoli scavalcati da archi e volte, improvvisi panorami. Infine, in cima, ancora in lieve pendenza, la ventosa e suggestiva piazza Grande, sistemata nel ’400 da Michelozzo. Se si sale ancora, sulla torre del sobrio Palazzo comunale, la vista spazia dall’Amiata a Siena, al Trasimeno, al monte Subasio. Danno sulla piazza anche la facciata di muro grezzo del Duomo (1592-1630), il campanile isolato dell’antica pieve e il palazzo Nobili-Tarugi, dal profondo loggiato terreno.

PRODOTTI E TRADIZIONI

Montepulciano non è però solo arte: bisogna infatti parlare anche di olio (Dop Terre di Siena), vino (Nobile, o Valdichiana, o Rosso Montepulciano), susine dell’antica varietà Mascina, pecorino e salsicce in tavola e su banchi di botteghe; e a proposito di botteghe, di artigianato del ferro e del legno, di laboratori di mosaico.

“Il borgo si distingue per numerosi punti di interesse storico-culturali di grande importanza uniti al centro storico tipico e ben conservato dove trovare molteplici punti vendita di prodotti tipici. Le informazioni sul borgo sono reperibili presso i punti informativi, e i siti turistici sono facilmente rintracciabili grazie ad un efficiente sistema di segnaletica turistica.” Elsa, ghost visitor TCI

Esplora le
Mappe
le guide touring per
organizzare
il viaggio