Peccioli

SCOPRI TUTTE LE
INFO

Peccioli è un borgo collinare capoluogo di un vasto comune della Provincia di Pisa, tra i centri di Pontedera e Volterra, immerso in un territorio prevalentemente rurale. La tradizionale impostazione agricola del territorio è stata sapientemente conservata negli anni e diverse aziende agricole del territorio hanno intrapreso anche una più moderna vocazione agrituristica.

Il territorio di Peccioli è facilmente raggiungibile da tutte le maggiori città toscane. A soli 15 km dal paese si trovano infatti le due uscite di Pontedera dalla Strada di Grande Comunicazione FI-PI-LI che unisce la città di Firenze con Pisa e Livorno. Parallelamente a questa arteria, dai toscani detta la "superstrada", corre la linea ferroviaria Firenze-Pisa. La zona di Peccioli è servita dalla stazione ferroviaria di Pontedera-Casciana Terme con treni regolari ogni ora o mezz’ora per tutto il giorno. Da Pontedera è poi attivo un servizo di autobus extraurbani per Peccioli e le sue frazioni .

COSA VEDERE
Nei dintorni, dagli splendidi paesaggi collinari caratterizzati da vigneti e uliveti, sono sparse molte frazioni, tra cui si segnalano l’ex castello e antica pieve di Fabbrica, Libbiano con il suo osservatorio astronomico meta di appassionati e Legoli, che vanta nella Cappella di Santa Caterina un tabernacolo di Benozzo Gozzoli.
L’antico centro, stretto dai ruderi della rocca di Castruccio Castracani, duramente contesa e infine distrutta dai pisani, presenta alcuni palazzi storici con facciate rinascimentali, ma per lo più è caratterizzato da vie strette e vicoletti ripidi tipici dei borghi medievali che vengono chiamati "chiassi".
La piazza del paese, Piazza del Popolo, è adornata per un lato da un bel loggiato sotto il quale i paesani si ritrovano per stare in compagnia.
Su un altro lato della piazza si trovano il palazzo del Municipio e il palazzo Pretorio, mentre sul lato opposto si trova la Chiesa di San Verano con la Torre campanaria. Eretto nel 1885 ad opera dell'architetto Luigi Bellincioni, il campanile della chiesa di San Verano è un esempio di stile eclettico, molto in voga all'epoca. Per gli abitanti locali è uno dei più importanti simboli del paese.
La Chiesa di San Verano, invece e' dedicata a San Verano di Cavaillon.
All’uscita dal borgo troviamo la Chiesa della Madonna del Carmine, eretta sulla Piazza del paese che all’epoca era detta Piazza del Fosso e che per questo motivo fu detta popolarmente la “Madonna del Fosso
Sempre nel centro storico , i visitatori possono usufruire di un intero polo museale gestito dalla Fondazione Peccioli Per e composto da quattro diverse aree espositive: il Museo di Icone Russe "F. Bigazzi", il Museo Collezione Incisioni e Litografie (Donazione Vito Merlini), il Museo di Arte Sacra e il Museo Archeologico. Per gli amanti  della Natura e delle passeggiate all’aria aperta, il territorio del Comune di Peccioli offre la possibilita' di avventurarsi in ben 6 interessanti e piacevoli percorsi naturalistici: il percorso del fiume Era, il percorso del Molino di Ripassaia, il percorso delle Colline per Legoli, il percorso della Bianca e il percorso dell’anello di Cedri.

EVENTI
Peccioli non sorprende solo per la sua offerta culturale, ma anche per quella teatrale.
La compagnia “Peccioli Teatro” produce spettacoli di autori italiani e stranieri nell’Anfiteatro Fonte Mazzola, situato tra le colline e costruito in armonia col paesaggio circostante. Tra gli appuntamenti si segnalano il festival estivo “Undici Lune a Peccioli” e quello invernale “Fiabesque”, dedicato al mondo della fiaba. Da segnalare, per i più piccoli, la possibilità di passare un pomeriggio particolare presso il parco Pecciolo Avventura.

- Scopri il nostro approfondimento su che cosa vedere a Peccioli!
- Scopri il nostro approfondimento su che cosa vedere nelle frazioni di Peccioli!
- Scopri il nostro approfondimento sulla discarica "modello" di Peccioli!
 

“La località, oltre a distinguersi per la virtuosa gestione dell’ambiente e del territorio, offre un centro storico tipico, raccolto e vivace, con numerosi punti di interesse storico-culturali.” Lorenzo, ghost visitor TCI