L'INIZIATIVA

I Comuni certificati con la Bandiera arancione possono richiedere di entrare, a fronte di un contributo, nel Network Bandiere arancioni del TCI, grazie al quale potranno:  

  • fruire di numerose occasioni di comunicazione, attraverso un’ampia serie di strumenti e opportunità, diversificate e mirate per raggiungere sia i mercati italiani sia i turisti stranieri potenzialmente attratti da questa tipologia di offerta;
     
  • godere di occasioni speciali di relazione con i media, sia generalisti sia di settore, per segnalare la propria destinazione;
     
  • accedere a opportunità di promozione e comunicazione che possono contribuire fattivamente a proporre la località e il territorio circostante come destinazione turistica eccellente.

L’adesione al Network Bandiere arancioni del TCI è facoltativa e annuale.

Tra le attività previste nel Network Bandiere arancioni rientrano anche le iniziative promosse dall’Associazione dei Paesi Bandiera arancione.

L’ASSOCIAZIONE DEI PAESI BANDIERA ARANCIONE

Costituita nel 2002 dalle allora 16 località “arancioni”, ha sede a Dolceacqua (IM) e riunisce i paesi che hanno ottenuto dal Touring Club Italiano il riconoscimento della Bandiera arancione.

L’Associazione non ha fini di lucro e avendo come obiettivo principale la valorizzazione dei territori individua azioni e iniziative che siano di stimolo e di impulso allo sviluppo turistico delle località; opera per la maggiore tutela e conoscenza della qualità e delle risorse ambientali, paesaggistiche, artistiche e storiche dei territori; promuove manifestazioni collettive per favorire lo scambio culturale e la diffusione di esperienze e buona pratiche; svolge attività legate alla politica e di rappresentanza presso gli enti governativi; svolge attività amministrativa ed economica dei comuni assegnatari della Bandiera arancione.

Per maggiori informazioni, visita il sito dell'Associazione.